Articoli di October 2013.


Verso una democrazia deliberativa civica, i cittadini di fronte all’urbanistica bassanese 

Democrazia deliberativa

 

 

Giovedì 31 ottobre 2013 alle ore 18.30 

Ingresso libero

 

Verso una democrazia deliberativa civica,

i cittadini di fronte all’urbanistica bassanese.

Relatori: Angelo Chemin, Sergio Los, Domenico Patassini, Giamberto Petoello

 

Verso una democrazia deliberativa civica, 

i cittadini di fronte all’urbanistica bassanese.

ll Piano Particolareggiato d’iniziativa Pubblica n.4 ‘Area Parolini’ (PPE4) è una occasione mancata per la rigenerazione di un’area strategica di Bassano del Grappa e per il riassetto dell’intera città. Sono almeno tre, e fra loro connesse, le principali ragioni. 

La prima rinvia al modo in cui è stato gestito il negoziato che ha portato a un accordo pubblico-privato parziale dopo la bocciatura del ‘Progetto Portoghesi’. Il negoziato non è riuscito a bilanciare i cosiddetti ‘diritti acquisiti’ con un approccio perequativo territorialmente pertinente, nonostante la riduzione degli indici di edificazione e della superficie edificabile. 

La seconda ragione riguarda il processo progettuale e i suoi esiti. Da decenni si discute dell’area e in molte occasioni Associazioni, Università, esperti e singoli cittadini hanno proposto soluzioni e stimoli. La mostra dei progetti promossa dall’Urban Centre è stata una vetrina, una operazione di marketing più che un vero e proprio processo partecipativo. Il cosiddetto ‘concorso di idee’, oltre a seguire una logica di esclusione, ha trascurato la ‘memoria’ scientifica e culturale maturata nel tempo, ridimensionandone l’utilità civica. 

La terza ragione riguarda il rinvio del riassetto urbanistico nell’area centrale e la rinuncia a definire Bassano come centralità logistica per l’intera città del pedemonte.

 

TOCCASANA

$(KGrHqN,!rkE-YmPUe!9BPqlEzhn)!~~60_12

 

 

Mercoledì 30 ottobre 2013 alle ore 20.00

Presentazione del libro “Toccasana” di Giovanna Grazian

Conduce la serata il giornalista Lorenzo Parolin

 

Dall’esperienza dei “racconti dei lettori” sul Giornale di Vicenza al primo romanzo uscito in questi giorni nelle librerie vicentine sotto l’insegna di Editrice Veneta, il passo è stato naturale; è il significativo traguardo raggiunto dall’autrice Giovanna Grazian di Lugo, ma da qualche tempo domiciliata a Chiuppano. Nel titolo “Toccasana” si possono leggere il filo conduttore e la filosofia che ispirano l’intero testo: “Offrirsi agli altri per guarire se stessi” è il motto prescelto non per l’esibizione di una solidarietà  gridata, come qualche volta succede, per ottenere consenso e riconoscimento, ma come formidabile antidoto al male di vivere. Giovanna da sedici anni ha scoperto, in età matura, di essere affetta da una malattia genetica insidiosa come la distrofia muscolare, che progressivamente ha limitato la sua libertà di azione e di movimento. Senza rifiutare l’apporto della scienza, che da tempo promette soluzioni definitive, senza per ora approdare a risultati certi, per contrastare il male la scrittrice ha fatto ricorso soprattutto alle energie interiori.

Per sei anni fino al 2003 ha frequentato il circolo di poesia dialettale “El Graspo” di Thiene e in particolare, rispondendo all’invito del nostro Giornale, ha rivelato doti narrative e una naturale attitudine al racconto, che lasciano stupiti per la nitidezza formale, la brillantezza di una penna agile e incisiva e la fervida immaginazione, dentro un assetto narrativo molto credibile e coinvolgente. Il romanzo, che vede nel ruolo delle due protagoniste principali, dipanarsi il senso positivo della vita è un inno all’umanità ritrovata in una fase storica nella quale spesso l’indifferenza, l’opportunismo e l’egoismo sembrano prevalere nei rapporti fra le persone. In fondo il messaggio sottinteso è semplice, come tutti i valori e gli ideali umani: nella misura in cui si condivide, mettendoci il cuore e le mani, il dolore del prossimo, siamo capaci di recuperare la nostra serenità, insomma asciugare una lacrima e riportare un sorriso vale anche a sanare le nostre ferite. Con grande leggerezza, ma con efficace effetto il libro si fa leggere come un invito a considerare la bellezza dell’aiuto solidale, che esalta le qualità native del singolo soprattutto quando è inserito dentro una risposta globale e organizzata ai bisogni umani. L’azione si svolge nel contesto ambientale della nostra provincia in situazioni molto realistiche, che toccano il tema dello sradicamento di una insegnante immigrata, proveniente dal sud, l’integrazione, il confronto fra tradizioni diverse, la vita di scuola, la famiglia, l’amore giovane: un avvincente affresco della vita vicentina e italiana, vista nel quotidiano, che proietta con delicatezza le luci e le ombre dei successi e i problemi della nostra società veneta. Un intreccio di storie immaginate che più vere ed autentiche non potrebbero essere, dove i buoni sentimenti finiscono per prevalere, dove non c’è spazio per la disperazione, l’isolamento e la depressione. Nel testo non mancano riferimenti simbolici, che destano tenerezza come quando la giovane Arianna, capace, malgrado i colpi avversi della vita, di avvertire ancora l’ebbrezza del turbamento amoroso, mentre pensa al nuovo amore, osserva che la sua orchidea ha gettato una nuova fogliolina verde. Il messaggio morale tuttavia emerge solo a posteriori, quasi in filigrana, senza pesantezza alcuna, ché anzi il colore e l’incanto della narrazione fanno della lettura un autentico balsamo dello spirito. Il forte volontariato della nostra regione veneta con questo romanzo ha trovato finalmente la propria sponda letteraria.

Enzo Segalla – Giornale di Vicenza

Il MUSICISTA E L’IMPERATORE

presentazioni-2210

VIA DA NOI – Italiani ma in America – di Elena Attala Perazzini

invitoBASSANO

 

Domenica 13 Ottobre, ore 18.00

VIA DA NOI – Italiani ma in America – di Elena Attala Perazzini
Storie vere di chi oggi ha scelto il sogno americano

Incontro con l’autrice 
presenta: Alessandro Tich
Letture e interventi: Giorgio Donini

Book-trailer VIA DA NOI regia di Glenora Blackshire

IL MARKETING DEGLI ANIMALI

599738_10151884991710944_2007761463_n